TheMAG your daily dose of creativity: magazine about fashion, design, arts, trends and coolness

Dimensions of dialogue | Image courtesy of Jan Svankmajer

Dimensions of dialogue

24 mag 2012, 8:00 0 Verdiana Oberto

Due corpi e un tavolo. Un uomo e una donna di plastilina si guardano. La passione prende il sopravvento. Si sfiorano, si toccano, si baciano, si abbracciano, si compenetrano, fino a un unirsi completamente. Dopo, la quiete. I due corpi ritornano a sedersi uno davanti l’altro. Una calma solo apparente, perché rotta da un qualcosa di imprevisto. I due amanti litigano assumendo espressioni di rabbia e disgusto, si picchiano, si distruggono fino a ritornare una cosa sola. Il suono dei violini dapprima tenero ed avvolgente diventa minaccioso ed inquietante, fino ad interrompersi bruscamente lasciando una strana inquietudine nello spettatore. L’autore di questo episodio – Passionate Dialogue – è Jan Švankmajer. Il titolo originale è “Možnosti dialogu” (possibilità di dialogo). Seconda sequenza di un unico cortometraggio della durata di 14 minuti, del 1982 “Dimensions of dialogue” . La prima parte è un omaggio al pittore italiano del ’500 Giuseppe Arcimboldo, il terzo e ultimo episodio ha come protagoniste due teste maschili appoggiate su un tavolo; esse cavano dalla bocca oggetti diversi, che si relazionano tra loro, a volte in maniera complementare, altre contrastandosi. L’elemento comune a tutti e tre gli episodi è il dialogo, evidente anche dai titoli di ognuno (Dialog vecný, Dialog vášnivý e Dialogu vycerpávajícím). Regista surrealista cecoslovacco, classe ’34. Autore di moltissimi film e cortometraggi, artista, purtroppo, molto poco conosciuto in Italia (i suoi lavori non sono distribuiti in alcun formato). Ha ispirato grandi registi quali: Tim Burton, Terry Gilliam e i fratelli Quay. Sequenze molto veloci, suoni esacerbati ed oggetti inanimati che prendono vita attraverso la stop-motion, sono le caratteristiche principali delle opere di Jan Švankmajer. Un suo lavoro molto conosciuto è Alice (1988). Un remake, che ha poco a che fare con l’Alice di Lewis Carroll che tutti noi conosciamo, molto più oscuro ed inquietante, in cui il Cappellaio Matto è uno schiaccianoci di legno, la Lepre Marzolina è un coniglio giocattolo con la carica a molla ed il Brucaliffo è un calzino con gli occhi di vetro e una dentiera. “Il mondo si divide in due categorie di diversa ampiezza … quelli che non hanno mai sentito parlare di Jan Švankmajer e quelli che hanno visto i suoi lavori e sanno di essersi trovati faccia a faccia con un genio” (Anthony Lane – “The New Yorker”).

Artista: Jan Svankmajer

Tags: arte artista cinema creativo video videomaker

Galleria Post

Dimensions of dialogue - thumbnail_1
Dimensions of dialogue - thumbnail_2
Dimensions of dialogue - thumbnail_3
Dimensions of dialogue - thumbnail_4
Dimensions of dialogue - thumbnail_5
Dimensions of dialogue - thumbnail_6

Video gallery

Commenti

Sponsored Ads

Pubblicizza qui

Prossimo & Precedente articolo

24 mag 2012, 10:00 Marco Russo

Nel periodo storico in cui ci troviamo molti paesi Europei e non solo, [ ... ]

23 mag 2012, 14:00 Monica Bogliolo

Il trend dei gioielli con forme di ossa, teschi e parti anatomiche animali [ ... ]

Tag popolari

Vedi tutti

Sponsored Ads

Pubblicizza qui
Solestruck.com

Archivio

Articoli random

1o
1o
1o
il_fullxfull.367693697_8znr
4o
1o
Mojo
Human chair
1o
1o
1o
1o
1o
1o
1o
1o
1o
1o
1o
1o
1o
5o
1o
1o

© 2010-2016 THEmag | EN / IT | HOME | ABOUT | SUBMISSION | PUBBLICITA' | JOIN | CONTATTI | ARCHIVIO TAG | DISCLAIMER | CONSULENZA CLOUD | CLOUD SERVER